Olio di CBD come trattamento per l'autismo

Cannabidiolo, a volte chiamato CBD, è un composto chimico che si trova nella pianta di cannabis. Dal momento che non lo faccionclude il THC, il componente psicoattivo della cannabis, il CBD non induce uno "sballo". Tuttavia, può aiutare a ridurre ansia e livelli di stress più bassi, sintomi che sono comuni tra persone con autismo.

Attualmente, ci sono alcune prove che il CBD può aiutare alleviare sintomi specifici e migliorare il comportamento nei bambini e adulti sullo spettro dell'autismo, ma la ricerca sulla sicurezza e l'efficacia del CBD è nelle sue prime fasi.

A proposito di CBD

Il CBD può essere derivato dalla canapa o dalla cannabis (la pianta di marijuana) ed è ora legale in molti stati degli Stati Uniti e in molti paesi in tutto il mondo. Può essere acquistato senza prescrizione medica come olio, tintura, pillola o pillola masticabile online ed è anche un ingrediente di edibili che vanno dal caffè ai pasticcini. È disponibile in molti dosaggi e in molte fasce di prezzo.

Le affermazioni per il CBD vanno dal realistico all'assurdo. Alcuni siti Web e aziende affermano, ad esempio, che il CBD può curare il cancro (non può). D'altra parte, il CBD sembra alleviare alcuni sintomi non trattabili di disturbi come epilessia, insonnia, e ansia—Tutti i problemi comuni per le persone con autismo. Secondo Harvard Health Publishing, "la prova scientifica più forte è la sua efficacia nel trattamento di alcune delle sindromi epilettiche infantili più crudeli, come la sindrome di Dravet e la sindrome di Lennox-Gastaut (LGS), che in genere non rispondono ai farmaci antiepilettici.

In numerosi studi, il CBD è stato in grado di ridurre il numero di crisi epilettiche e, in alcuni casi, è stato in grado di fermarle del tutto. Recentemente la FDA ha approvato il prima medicina derivata dalla cannabis per queste condizioni, Epidiolex, che contiene CBD. Il CBD è comunemente usato per affrontare l'ansia e, per i pazienti che soffrono per la miseria dell'insonnia, gli studi suggeriscono che il CBD può aiutare sia ad addormentarsi che a rimanere addormentati ".

Il CBD non è utile per tutti coloro che lo usano e, in rari casi, può causare effetti collaterali come sonnolenza o nausea.

In che modo il CBD può aiutare le persone con autismo

Né il CBD né altri farmaci possono rimuovere o curare i sintomi principali dell'autismo, che includono sfide di comunicazione sociale, disfunzione sensoriale, e comportamenti limitati e ripetitivi. Il CBD può, tuttavia, aiutare ad alleviare i disturbi spesso associati all'autismo come l'epilessia, l'ansia, l'insonnia e lo stress.

Ad esempio, può causare un sonno migliore e una minore ansia (che può ridurre i comportamenti aggressivi), meno convulsioni (che possono ridurre lo stress e rendere più facile interagire socialmente) e una minore ansia per rendere più facile l'apprendimento e l'utilizzo delle capacità di comunicazione sociale.

È anche importante notare che l'insonnia e l'aggressività sono sintomi particolarmente difficili per i genitori, che possono trovarsi rapidamente esausti e sopraffatti. L'aggressività, in particolare, è uno dei comportamenti più impegnativi comuni all'autismo - spesso, questa è una ragione per cui un genitore può collocare il proprio figlio con autismo in un contesto istituzionale.

Risultati della ricerca

Alcuni studi su vasta scala hanno esplorato l'impatto del CBD sui bambini con autismo, nessuno, tuttavia, ha esplorato il suo impatto sugli adulti nello spettro. Uno di studi di questo tipo ha avuto luogo in Israele. Il rapporto include i seguenti risultati:

"Nel 2014, il Ministero della Salute ha iniziato a fornire licenze per il trattamento di bambini con epilessia. Dopo aver visto i risultati del trattamento con cannabis su sintomi come ansia, aggressività, panico, capricci e comportamenti autolesionistici, nei bambini con epilessia, genitori di grave i bambini autistici si sono rivolti alla cannabis medica per ottenere sollievo ".

Inoltre (e forse di conseguenza), hanno anche visto miglioramenti significativi nella comunicazione sociale, dormiree autolesionismo (una piccola percentuale, tuttavia, è peggiorata con il trattamento). Un enorme vantaggio è il fatto che c'erano pochi effetti collaterali e quelli che apparivano (sonnolenza e cambiamento dell'appetito) erano lievi.

Ulteriori studi hanno fornito risultati simili: il CBD si è dimostrato utile nella maggior parte dei casi per ridurre i problemi emotivi e comportamentali e può persino aiutare a migliorare le capacità di comunicazione sociale. Questi risultati preliminari, insieme alla bassa incidenza di effetti collaterali significativi, sono molto incoraggianti. Sono in corso studi in cliniche e centri di ricerca in tutto il mondo.

Prima di provare il CBD

Dati tutti i risultati positivi per il CBD e il basso rischio ad esso associato, potrebbe avere senso provare a usarlo con tuo figlio con autismo (o provarlo tu stesso se sei un adulto con autismo). Prima di acquistare una bottiglia di olio di CBD, tuttavia, è importante seguire questi passaggi:

  • Consulta il medico di tuo figlio (o del tuo) per assicurarti che non esistano allergie o sensibilità che potrebbero causare una reazione al CBD.
  • Assicurati che il CBD sia legale nel tuo stato, provincia o paese.
  • Cerca fonti di CBD per assicurarti che il marchio che stai utilizzando sia ben considerato e adeguatamente autorizzato.
  • Prendi appunti attenti per assicurarti di avere informazioni di base sui comportamenti e sintomi di tuo figlio (o tuo) in modo da poter fare un confronto utile prima e dopo l'uso del CBD.

 

Usare il CBD

Il CBD è disponibile in molte forme e in molti livelli di dosaggio. Gli oli hanno un sapore un po 'amaro, motivo per cui molte persone preferiscono opzioni masticabili simili a caramelle; Naturalmente, è importante tenere farmaci e integratori simili a caramelle fuori dalla portata dei bambini.

Dosi più basse sono anche più facilmente tollerate di una dose più alta.

Quando inizi a usare qualsiasi nuovo integratore, farmaco o trattamento, è importante assicurarsi che il medico di tuo figlio sia a conoscenza del nuovo trattamento e non abbia preoccupazioni al riguardo per quanto riguarda la salute di tuo figlio, nonché che tutti coloro che lavorano con tuo figlio sappiano che tu hai iniziato qualcosa di nuovo e chiedi loro di cercare e segnalare eventuali cambiamenti nei comportamenti o nelle abilità.

Prendi nota di eventuali cambiamenti che vedi tu stesso in modo da poter facilmente rivedere i tuoi record per determinare quanto sia utile il nuovo trattamento e tenere gli occhi aperti per eventuali effetti collaterali preoccupanti. Assicurati di comunicare immediatamente eventuali effetti collaterali a un medico o un operatore sanitario.

Una parola da Verywell

I bambini con autismo crescono e imparano ogni giorno, semplicemente perché stanno maturando. Di conseguenza, non esiste un modo semplice per determinare se un cambiamento nel comportamento o un aumento delle abilità è dovuto a un trattamento particolare o alla maturazione ordinaria. Questa realtà rende molto facile vedere un cambiamento nei comportamenti e attribuirli in modo impreciso al trattamento più recente che hai provato. Di gran lunga, il modo migliore per sapere se un particolare trattamento è veramente efficace è essere rigorosi nel valutare il tuo bambino prima e dopo il suo utilizzo.

Per fare ciò, dovrai creare o trovare e utilizzare una scala numerica (da 1 a 5 per esempio) per misurare il comportamento di tuo figlio. Ad esempio, l'esplosione di rabbia di oggi è a livello 8 o 3? Valutando attentamente l'impatto di una nuova terapia, puoi eliminare la probabilità di prendere decisioni basate su un pio desiderio piuttosto che su solide prove.

Messaggio precedente Prossimo post

0 Commenti

lascia un commento